Giornata mondiale contro il lavoro minorile

Nel 2019, con una risoluzione adottata all’unanimità, le Nazioni Unite hanno proclamato il 2021 come Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile, per sollecitare i governi ad adottare le misure necessarie per porre fine a tutte le forme di  sfruttamento dei bambini e le bambine, entro il 2025. La Giornata mondiale contro il lavoro minorile, che cade il 12 giugno, quest’anno si celebra con rinnovato impegno.

Secondo le stime recenti, sono ancora 152 milioni i minori – 68 milioni le bambine – vittime di questa pratica. La metà, 73 milioni, sono costretti in attività pericolose che ne mettono a rischio salute, autostima, opportunità educative e di rottura del circolo della povertà. Il fenomeno si è inasprito con la crisi economica, innescata dalla pandemia del COVID-19, che ha esacerbato le disuguaglianze esistenti, mettendo a repentaglio i progressi compiuti.

Lascia un commento

Up ↑