Capire la geopolitica: Rudolf Kjellén

Il pensiero geopolitico rimonta alla Grecia antica e Aristotele.  Il termine è stato coniato dal geografo e politologo svedese Rudolf Kjellén e appare per la prima volta in una sua opera del 1916.

Discepolo di Friedrich Ratzel, fondatore della geografia umana e la antropogeografia, Kjellén ha definito la geopolitica “scienza degli stati come organismi viventi, basata su fattori demografici, economici, politici, sociali e geografici”.  Lo stato non è visto come una entità giuridica, ma come un organismo dinamico, e in continua trasformazione, per poter competere sul piano mondiale.

L’approccio geopolitico, con l’evoluzione avuta dagli inizi del XX secolo a oggi,  è uno dei predominanti della ricerca nel campo delle relazioni internazionali.  Queste idee sono state manipolate dal teorico e militare tedesco Karl Haushofer, il quale le ha utilizzate per giustificare il piano di espansionismo imperialista del Terzo Reich.

One thought on “Capire la geopolitica: Rudolf Kjellén

Add yours

Lascia un commento

Up ↑