Aleisha Fruge: una macchina da cucire contro il Covid-19

Ha dodici anni, Aleisha Fruge, e vive a Opelousas, una cittadina di 20 mila abitanti della Luisiana. È figlia di un infermiere, impegnato nell’assistenza ai malati di Covid-19, in servizio da vent’anni presso il centro ospedaliero locale. A Opelousa oltre il 75 per cento della popolazione è afrodiscendente, uno dei gruppi maggiormente colpiti dalla pandemia negli Stati Uniti. Quando suo padre a casa ha commentato che il personale si vede costretto a reciclare le mascherine di protezione più di una volta, a causa della loro scarsa disponibilità sul mercato, si è messa al lavoro alla macchina da cucire. Impiega cinque minuti per farne una: “Non sono perfette” ha detto alla stampa locale, “ma all’ospedale sono utili per evitare che il personale sanitario si contagi, mentre cerca di salvare delle vite”.

 

Le foto che appaiono nel blog “Il Toro e la Bambina” sono in molti casi scaricate da Internet e quindi ritenute di pubblico dominio. Eventuali titolari contrari alla ripubblicazione possono gentilmente scrivere a info@iltoroelabambina.it, richiedendone la rimozione.

Lascia un commento

Up ↑