Adhara Pérez: esploratrice dello spazio

Adhara non ha molti amici e ha dovuto cambiare sei volte l’asilo per episodi di discriminazione e bullismo da parte di compagni e insegnanti. Nelle recite, le facevano sempre fare l’albero. All’età di due anni, le è stata diagnosticata la sindrome di Asperger, di cui sono affetti anche Steven Spielberg, Bill Gates e Greta Thunberg. Per questa ragione, ha studiato a distanza da casa. A cinque anni ha ottenuto la licenza elementare, a sei e mezzo le medie, e in poco più di dodici mesi ha conseguito la maturità.

A scuola soffriva per il trattamento a cui era soggetta, si sentiva sola, e le lezioni la annoiavano. Sua madre, psicologa, avendo osservato che capiva l’algebra, l’ha portata al centro per l’attenzione del talento di Città del Messico, dove gli esperti le hanno confermato che la bambina è superdotata. Ora è iscritta contemporaneamente in due facoltà: matematica per l’ingenieria industriale e ingenieria di sistema.

Adhara, a cui suo padre sempre ha detto “se non ti piace dove sei, immagina dove vorresti essere”, vuole studiare astrofisica in Arizona e sta imparando l’inglese. In occasione di conferenze sulle scienze spaziali, organizzate da questa università in Messico, si è segnalata per aver potuto distinguere fra un ponte di Einstein-Rosen e un buco nero, e dopo un test di intelligenza, è stata invitata a presentarsi agli esami di ingresso.

La famiglia spera di viaggiare negli Stati Uniti quando Adhara si sia laureata in Messico, conosca meglio la lingua, e abbia compiuto dieci anni. L’Università dell’Arizona che sosterrà le spese correlate, potrebbe offrirle una borsa di studio.

Le foto che appaiono nel blog “Il Toro e la Bambina” sono in molti casi scaricate da Internet e quindi ritenute di pubblico dominio. Eventuali titolari contrari alla ripubblicazione possono gentilmente scrivere a info@iltoroelabambina.it, richiedendone la rimozione.

Lascia un commento

Up ↑