Si muore di fame prima che di coronavirus

Fino a 12 mila decessi al giorno potrebbero prodursi da qui alla fine dell’anno, non per coronavirus, bensì per le conseguenze sociali sui gruppi più vulnerabili delle interruzioni e le alterazioni economiche, determinate dalle misure di prevenzione per contenere il contagio. Secondo l’Università Johns Hopkins, il tasso di mortalità per carenza nutrizionale è destinato a oltrepassare quello per COVID-19 nel suo punto più alto.

Gli enormi livelli di disoccupazione che si sono generati, e le barriere per le attività lavorative nel settore informale, che su scala globale supera il 60 per cento, con 6 lavoratori su 10 e 4 imprese su 5, hanno aumentato il numero di quanti non riescono ad accedere, in forma adeguata o regolare, a fonti alimentari. Negli ultimi quattro anni, si era arrivati a quasi il 70 per cento, a causa del cambio climatico, i conflitti armati, e recessioni regionali, ma per il PAM si sta registrando un’impennata.

La diminuzione del potere di acquisto, accompagnata dal rialzo e l’instabilità del paniere dei prezzi al consumo, dovuta alla chiusura dei mercati e le difficoltà logistiche, particolarmente acuti in certe realtà, hanno provocato una forte ripercussione sui mezzi di sussistenza delle famiglie. In Pakistan, per esempio, il costo del grano e della farina di frumento è aumentato, rispettivamente, del 4.9 e dell’8.4 per cento.

Paesi come lo Yemen, l’Afghanistan e l’Etiopia, rappresentano casi critici di carenza prolungata di cibo. Le donne dei paesi in via di sviluppo, e i nuclei monoparentali dove il capofamiglia è di sesso femminile, sono maggiormente colpiti. I dati della FAO indicano che la pandemia aggiunge 135 milioni di individui alla cifra di 821 milioni che nel 2019 non si trovavano nelle condizioni di poter garantire il proprio sostentamento.

In Venezuela, dove è in atto un triplice dissesto politico, economico e sanitario, e nel corridoio secco centroamericano, dove si consuma una carestia invisibile ai media internazionali, in 14 milioni da tempo soggetti a limitazione, o privazione, di nutrimento, potrebbero perdere la vita. Oxfam riporta che in America Latina sono a repentaglio 83.4 milioni. In Africa centro-occidentale, dove 19 milioni erano ad alto rischio, si arriverà a 50 nei prossimi mesi.

In un futuro immediato, ci saranno mille milioni di persone che soffrono la fame. Una cifra mai vista prima, sulla quale non è semplice intervenire a breve termine. Una sequela drammatica della pandemia è il cambio strutturale della povertà e della povertà estrema, e l’acuirsi di una crisi alimentare dettata dalle assimetrie del mondo.

 

Questo articolo è stato pubblicato su EinaudiBlog, il blog della Fondazione Luigi Einaudi per studi di politica, economia e storia.

Le foto che appaiono nel blog “Il Toro e la Bambina” sono in molti casi scaricate da Internet e quindi ritenute di pubblico dominio. Eventuali titolari contrari alla ripubblicazione possono gentilmente scrivere a info@iltoroelabambina.it, richiedendone la rimozione.

Lascia un commento

Up ↑